Rifugio Cardioprotetto

RIFUGIO CARDIOPROTETTO e  Il libro "MONTAGNE SENZA VETTA" 


Consegna defibrillatori   Comunicato di settembre 2020 

La campagna Rifugio Cardioprotetto del Tavolo Trentino della Montagna ha garantito l’acquisto di 22 defibrillatori per altrettanti rifugi ai quali se ne aggiungono 6 donati dal Rotary club Trento che ha partecipato alla campagna per un totale di 28

Il progetto RIFUGIO CARDIOPROTETTO è nato dalla disponibilità di Massimo Dorigoni di mettere a disposizione il contenuto di un suo libro “Montagne senza vetta “. Accademia della Montagna componente del Tavolo ha messo a disposizione la stampa dello stesso finalizzate ad un’ azione rivolta ai Rifugi ma di grande utilità alla comunità dei frequentatori della montagna.
Massimo Dorigoni ha avuto un’esperienza di necessità di intervento in montagna che ha interessato il padre in seguito operato più volte al cuore. Da lì la riflessione che la disponibilità di un defibrillatore raggiungibile in tempi ragionevoli può salvare una vita.
Il tavolo Trentino della Montagna insediato in Accademia, è composto dai soggetti rappresentativi dell’ambiente montano: Accademia della Montagna, il Soccorso alpino, ,il Collegio delle guide alpine,l’Associazione Gestori rifugio del Trentino,il Collegio Maestri di sci,la Sat .

Rifugio Cardioprotetto è stata una campagna che ci ha visto impegnati a presentare il libro su molti rifugi ma anche in serate cittadine e nelle valli con un seguito di persone a condividere l’iniziativa. Gli incontri sono serviti anche a diffondere la consapevolezza della tutela della salute, delle buone abitudini da seguire e l’immagine di una montagna che può essere percorsa in sicurezza.
Il Tavolo Trentino della Montagna, applicando i criteri di maggior frequentazione, di lontananza da un luogo di soccorso, di distanza  tra rifugi e copertura territoriale ha definito un elenco di rifugi ai quali è stato consegnato un defibrillatore.

Ai gestori coinvolti è chiesto obbligatoriamente di partecipare ad un corso di primo soccorso e utilizzo del defibrillatore che lo stesso Tavolo della Montagna organizza e attraverso un protocollo di impegnarsi alla manutenzione dell’apparecchio e agli aggiornamenti personali.
Ad ogni rifugio è stata consegnata la targa “Rifugio Cardioprotetto “da rendere visibile nella propria struttura.

Elenco Rifugi Cardioprotetti  settembre 2020:

Alimonta
Antermoia
Ai Caduti dell'Adamello                                  
Altissimo Damiano Chiesa                             
Boè Pordoi
​Capanna Piz Fassa
Casarota
Cima d'Asta Ottone Brentari                                                     
Carè Alto Dante Ongari 
12 Apostoli                                 
Contrin                                                          
Maddalene
Malga Kraun                                                     
Mandrone Città di Trento 
Passo Principe                               
Potz Mauer                                                    
Roda di Vael
Rosetta G.Pedrotti                                                            
Sandro Pertini 
Segantini Val d'Amola
Stivo Prospero Marchetti                                              
Sette Selle                                                     
Torre di Pisa                                                            
Treviso
Tosa T.Pedrotti 
Tuckett                                                         
Vajolet 
Vallaccia
                                                         
Un ringraziamento particolare va all’Associazione Pernici della Piof di Lizzana per la disponibilità a mettersi a disposizione quale soggetto privato, per la soluzione della raccolta dei fondi della vendita del libro.Raccogliamo con favore la confermata disponibilità della Provincia attraverso l’Assessorato alla Sanità a considerare la dotazione di un Dea a tutti i rifugi



Questo libro fornisce un quadro generale del perché a volte con serenità bisogna sentirsi liberi: liberi di non essere schiavi degli sponsor, liberi di gettare una corda nel vuoto quando sopra la testa imperversa il maltempo, liberi di tornare a casa dai nostri cari quando mancano solo cento metri alla vetta, liberi di sentirci forti nella nostra umiltà, liberi di dire grazie per ciò che si è raggiunto senza sfidare il destino, liberi di scegliere di vivere. Infine liberi di non mettere a repentaglio la nostra vita e quella di chi ci verrebbe eventualmente a soccorrere nel momento del bisogno.
Il  libro, curato da Massimo Dorigoni, è patrocinato e sostenuto dal Tavolo della Montagna di Accademia. Contiene i racconti di alcuni tra i più forti alpinisti trentini e italiani 
Un' opera nata anche con un’obiettivo sociale: quello di raccogliere fondi per dotare i rifugi del Trentino più isolati e difficili da raggiungere di un defibrillatore semiautomatico, strumento che può salvare la vita di tante persone.
Il tavolo Trentino della Montagna ha lanciato il progetto per dotare i rifugi di alta quota di un defibrillatore. 

Questa iniziativa sarà condivisa con i Rifugi ed è stata presentata in occasione della seconda Giornata Europea del Rifugio, il 25 giugno 2017

Il libro può essere richiesto ad Accademia della Montagna del Trentino o acquistare direttamente nei Rifugi aderenti al progetto.
#rifugiocardioprotetto  #montagnesenzavetta

I primi rifugi che hanno avuto il defibrillatore:

 


Rifugio Passo Principe 
Rifugio Rifugio Val d'Amola Segantini 
Rifugio Marchetti allo Stivo 
Rifugio Treviso
Rifugio Potz Mauer
Rifugio Alimonta 
Rifugio Boè  Pordoi 
Rifugio Contrin
Rifugio Ai Caduti dell'Adamello
Rifugio Cima d'Asta Ottone Brentari 
Rifugio Carè Alto Dante Ongari
Rifugio Antermoia
Rifugio Capanna Piz Fassa
Rifugio Roda di Vael
Rifugio Sette Selle
Rifugio Sandro Pertini 
Rifugio Tosa Pedrotti
Rifugio Vallaccia Sasso delle 11
Rifugio Rosetta Pedrotti
Rifugio Tuckett
Rifugio Malga Kraun
Rifugio Maddalene 
Rifugio Vajolet
Rifugio Damiano Chiesa Altissimo
Rifugio Mandrone Città di Trento